Salone del Libro di Torino, laboratorio di idee a partire dal libro “Il cammino dei diritti”

Il Premio Nazionale di Letteratura per l’Infanzia ‘il gigante delle Langhe’ sarà al Salone del Libro di Torino il 13 maggio, dalle ore 14 alle ore...
Leggi di più

“Il fiume che vorrei” la favola della XIV edizione

2015/2016 Il fiume che vorrei Testo dei bambini della pluriclasse della scuola primaria di Castino (CN) Il fiume che vorrei… Sono Arianna… se chiudo...
Leggi di più

Vincitori della XIV edizione

I vincitori della XIV edizione sono: Silvia Vecchini con “Le parole giuste” (narrativa 8 – 11 anni) Nicoletta Bortolotti con “In...
Leggi di più

C’era una volta un paese, né grande né piccolo.

Era stato costruito lungo un fiume e alla confluenza tra questo ed un torrente birichino.
Aveva tutto intorno alte colline disegnate da infiniti muri in pietra a secco.

C’erano una volta i suoi abitanti,

né tanti né pochi,
né tristi né allegri.

C’erano case importanti e case per tutti, cascine, negozi, strade e stradine,

sentieri, oggetti e prodotti. C’erano stalle e animali, prati, boschi e vigneti.

Ma non c’erano storie e leggende.

Forse c’erano state, ma nessuno le sapeva più raccontare.

Poi un bel giorno arrivò un gigante gentile, dalla lunga barba arancione.

E poi, anno dopo anno – trovata la strada – arrivarono folletti, pietre e animali parlanti, colori brillanti, storie nate dalla fantasia e dall’immaginazione. Insomma, quel bel giorno in quel luogo là scoccò una scintilla: molte cose si illuminarono e furono non solo notate, ma se ne capì – cosa ben più importante – il loro più profondo significato.

Fu come aggiungere un pizzico di sale ad un cibo sì buono, ma a cui mancava qualcosa.

Fu come aggiungere un po’ di zucchero ad un dolce sì buono, ma a cui mancava un quel non so che.


Non che da allora tutti vissero felici e contenti.

Sarebbe davvero chieder troppo e pretendere di vivere in una favola sulla terra.
Ma da quel bel giorno le cose ed i luoghi ripresero a parlare sottovoce e a raccontare le loro storie più speciali e fantastiche a chi le sa ascoltare.
E da quel bel giorno chi le sa ascoltare ha deciso a sua volta di non tenersele per sé, ma di raccontarle ad altri che le sanno ascoltare.

C’era una volta un paese, né grande né piccolo.

Era stato costruito lungo un fiume e alla confluenza tra questo ed un torrente birichino.
Aveva tutto intorno alte colline disegnate da infiniti muri in pietra a secco.

C’erano una volta i suoi abitanti,

né tanti né pochi, né tristi né allegri.

C’erano case importanti e case per tutti, cascine, negozi, strade e stradine,

sentieri, oggetti e prodotti. C’erano stalle e animali, prati, boschi e vigneti.

Ma non c’erano storie e leggende.

Forse c’erano state, ma nessuno le sapeva più raccontare.

Poi un bel giorno arrivò un gigante gentile, dalla lunga barba arancione.

E poi, anno dopo anno – trovata la strada – arrivarono folletti, pietre e animali parlanti, colori brillanti, storie nate dalla fantasia e dall’immaginazione. Insomma, quel bel giorno in quel luogo là scoccò una scintilla: molte cose si illuminarono e furono non solo notate, ma se ne capì – cosa ben più importante – il loro più profondo significato.

Fu come aggiungere un pizzico di sale ad un cibo sì buono, ma a cui mancava qualcosa.

Fu come aggiungere un po’ di zucchero ad un dolce sì buono, ma a cui mancava un quel non so che.

Non che da allora tutti vissero felici e contenti.

Sarebbe davvero chieder troppo e pretendere di vivere in una favola sulla terra.
Ma da quel bel giorno le cose ed i luoghi ripresero a parlare sottovoce e a raccontare le loro storie più speciali e fantastiche a chi le sa ascoltare.
E da quel bel giorno chi le sa ascoltare ha deciso a sua volta di non tenersele per sé, ma di raccontarle ad altri che le sanno ascoltare.